Mascaras
Ajaccio 26-29 marzo 2018

La Sardegna possiede un patrimonio inestimabile di maschere che rappresentano una fortissima componente della tradizione arcaica sarda. Le origini del Carnevale sardo sarebbero da ricercarsi nei riti greci al dio Dionisio, che servivano a festeggiare la fine dell’inverno e a ingraziarsi la terra e richiamare l’acqua nei periodi di siccità.
L’associazione Sardegna Corsica. I Popoli del Mare intrattiene da tempo relazioni istituzionali e culturali con la nostra isola sorella e il popolo fratello della Corsica.
In un recente incontro, la Corsica, attraverso i suoi rappresentati, ha espresso il desiderio di recuperare e valorizzare il proprio patrimonio di maschere.
Il Progetto Mascaras si inserisce in un programma culturale ambizioso che prevede, oltre alla valorizzazione patrimonio culturale sardo legato ai riti del Carnevale, anche la riscoperta del patrimonio delle maschere tradizionali della Corsica.
La parte centrale del progetto prevede una grande manifestazione con la sfilata e la rappresentazione di tutte le Maschere Sarde. L’evento internazionale, che si svolgerà ad Ajaccio dal 26 al 29 marzo 2018

Soggiorno studio “Malta Classica”
15-20 maggio 2018

Programma
Giorno 1 Martedì 15 maggio: Sardegna/Italia/Malta
Giorno 2 Mercoledì 16 maggio: La Valletta, visita della città e capolavori del Caravaggio
Giorno 3 Giovedì 17 maggio: Vittoriosa / Cospicua / Senglea e centro storico medievale di Medina
Giorno 4 Venerdì 18 maggio: intera giornata all’Isola di Gozo. Templi megalitici, antiche cittadelle, suggestive baie e scogliere
Giorno 5 Sabato 19 maggio: Sud di Malta e St. Julien
Giorno 6 Domenica 20 maggio: Malta/Italia/Sardegna

Opportunità Corsica

Opportunità Corsica

Essere riusciti a riallacciare i fili della storia tra la Sardegna e la Corsica ci riempie d’orgoglio ma soprattutto ci motiva a rendere sempre più concreta una collaborazione reciproca e fattiva tra le isole sorelle del mediterraneo e i nostri popoli.
I confini artificiali posti da altri a dividerci sono oggi sempre più labili, la speranza è che possano presto sparire del tutto.
Auspichiamo che Sardegna e Corsica possano presto esprimere democraticamente la loro volontà e chiedere il riconoscimento del diritto all’autodeterminazione, vivere dunque come stati e popoli liberi e indipendenti, riconosciuti e rappresentati di diritto in Europa e nella comunità internazionale.
Anche per queste ragioni, per mantenere fede agli impegni assunti, creare opportunità per le imprese Sarde e Corse e posti di lavoro, favorire gli scambi commerciali e culturali, migliorare le nostre economie e aumentare la ricchezza, con questo evento iniziano le riunioni preparatorie per gli incontri bilaterali tra Imprese Sarde e Corse.
I grandi progetti cambiano la storia e ci rendono migliori.

Modesto Fenu